Festival Per Dire a Roma



Bea, Branded Entertainment & Arts, società che si occupa della produzione di contenuti culturali e d’intrattenimento per la creative community KleinRusso , è felice di presentare la prima edizione romana del FESTIVAL PER DIRE.

Il FESTIVAL PER DIRE nasce da un’idea di Fabrizio Russo, direttore artistico di Bea, e dall’esperienza del BeaCafé , il caffè letterario di via Giano Parrasio condotto e coordinato da Andrea Ballarini, che da un anno, ogni giovedì, rappresenta un vero crocevia di storie, autori, artisti, tra Trastevere e Monteverde vecchio.

Un festival gratuito concepito intorno all’affabulazione e che vuole porre al proprio centro il valore del racconto dal vivo. Due giorni dedicati ai racconti e alle storie vissute o immaginate, perché le storie che raccontiamo, come recita il sottotitolo del festival, sono il modo di prenderci cura di noi stessi.

In risposta a chi ritiene ancora che con la cultura non si mangi, la creative community indipendente KleinRusso, una delle realtà più coraggiose nel panorama della comunicazione pubblicitaria italiana, decide di investire nella cultura come dice Sofia Klein, co-fondatrice:
“…per sperimentare, per innovare, cercando nuovi codici per coinvolgere”.

“In un’ottica di comunicazione – dice Fabrizio Russo – il FESTIVAL PER DIRE nasce post-digitale, in quanto esperienza rigorosamente live che diventa digitale nella condivisione. L’obiettivo non è produrre contributi per il web, ma generarli provocando emozioni. Più l’esperienza live sarà di qualità, più la rete sarà veicolo naturale di diffusione”.

Per questa prima edizione 2014patrocinata dall’Assessorato alla cultura, creatività e promozione artistica di Roma Capitale, che si terrà il 7/8 giugno alla Pelanda, centro di produzione culturale nel cuore di Testaccio, il FESTIVAL PER DIRE può contare sulle narrazioni di illustri ospiti. Tra gli altri, lo scrittore Stefano Benni, i ragazzi del Centro Sperimentale di Cinematografia, la restauratrice Valeria Merlini, i giornalisti e scrittori Claudio Cerasa Michele Masneri, l’illustratore Filippo Scòzzari, lo scrittore Andrea Villani, l’attore David Riondino, i jazzisti Valeria Rinaldi, Carlo Ficini, Leonardo Cesari, Gino Cardamone Federica Michisanti nella giornata di sabato.
La domenica si apre con il breakfast insieme alla scrittrice Sandra Petrignani, proseguono gli esperti di radio Massimo Cirri e Josè Bagnarelli, lo chef Claudio Dordei, il fotografo Nadir Naldi, l’artista Gea Casolaro, l’esperto di cinema Anton Giulio Onofri, lo scrittore Luca Scarlini e concludono il critico Filippo La Porta, il teorico dell’innovazione Andrea Granelli e la giornalista e docente Flavia Trupia.

A condurre il festival sarà Andrea Ballarini, romanziere e saggista, in un’ideale continuazione delle serate del BeaCafé. Ad affiancarlo nell’intero weekend ci saranno i racconti illustrati dei fumettisti Marco Corona e Luca Ralli e la voce fuori campo del giovane attore Nick Russo.

PROGRAMMA

SABATO 7 GIUGNO 2014 

10.30/12.00
I MIEI MENU E ALTRI ANIMALI
Stefano Benni
Una conversazione un poco stralunata con il noto autore bolognese che ci parlerà della sua conoscenza enciclopedica degli animali esotici e anche di come nascono i suoi menù fantasmagorici e, soprattutto, cosa queste passioni hanno in comune.

12.15/13.30
I QUADERNI DEL MIO CINEMA
Lettura teatrale degli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia
Una lettura teatrale a più voci in cui attraverso le memorie di illustri cinematografari del nostro paese e una voce di raccordo, si ripercorre il momento indimenticabile che il nostro cinema ha vissuto da dopo la guerra fino agli anni Settanta.

15.30/16.30
RIPARA L’ARTE, PER NON METTERLA DA PARTE
Valeria Merlini 
Un viaggio all’interno dell’affascinante mondo del restauro dei capolavori in cui ci farà da guida Valeria Merlini, una delle più importanti restauratrici italiane, che ha già al suo attivo – tra molti altri – il restauro di tre opere di Caravaggio.

16.45/17.45
RACCONTARE STANCA
Claudio Cerasa 
Michele Masneri 
La politica da dietro le quinte. Niente attualità, ma il racconto del dramma di chi ogni giorno deve trovare qualcosa da scrivere sui borborigmi della politica nazionale e, a volte, non ha niente da dire. Ma come diceva Samuel Beckett, anche se ci mancano le parole dobbiamo usarle lo stesso.

18.00/19.00
UN CANNIBALE NON MUORE MAI
Filippo Scòzzari
Il racconto degli anni ’70 fatto da uno dei ragazzi terribili del Male che ha cambiato per sempre il linguaggio della satira con le sue opere irriverenti e piene di poesia. La storia, vissuta dall’interno, di un momento irripetibile della nostra storia recente.

19.15/20.15
LUCIANO LUTRING, IL SOLISTA DEL MITRA
Monologo teatrale di Andrea Villani (musiche Ugo Cattabiani)
Una pièce teatrale recitata dallo scrittore Andrea Villani dedicata alla figura romantica e guascona di Luciano Lutring, il solista del mitra. La rievocazione di una personalità straordinaria che sembra uscita davvero da un romanzo, che è anche la storia di un paese colpito da improvviso benessere.

22.00/23.00
LIBERA MENTE
Affabulazioni di David Riondino
Un incontro con il popolare artista toscano sul filo delle parole. L’estro affabulatore di un cantautore che porta la sua personale ironia in tutti i campi: dall’improvvisazione in rima alla canzone d’autore, dal cabaret al monologo. Perché i fiorentini vanno molto di moda di questi tempi.

23.00/24.00
JAZZCLUB
Per dire jazz band
Un concerto jazz sulle note dello swing in cui cinque musicisti della scena romana intratterranno i più irriducibili frequentatori del Festival per dire, per andare a dormire rilassati e poter ritornare la domenica mattina.