Manovra economica bis 2011 studenti: tirocini formativi



La crisi economica mondiale ha devastato interi paesi che non sono riusciti a sopperire alla crisi in maniera efficiente. L’Italia è uno di quei paesi in cui la crisi è ancora un problema reale ed i tagli sono all’ordine del giorno. La manovra inizialmente varata è stata bocciata su tutti i fronti da parte del popolo sovrano tanto che si è dovuti ricorrere ad una manovra bis, cosiddetta, che nei prossimi mesi taglierà ancor di più i fondi laddove ce ne erano pochi. Una delle categorie più colpite da questo nuovo piano di emergenza, sarà quella riservata ai tirocinanti. Le grandi aziende infatti, a seguito del periodo di crisi, non aumenteranno la durata dei tirocini, anzi, il tempo massimo previsto si abbasserà a 6 mesi. Addio quindi stage annuali e contratti biennali.

Pareri a sfavore della manovra arrivano direttamente da Verona Innovazione, che ha analizzato le previsioni per i prossimi mesi qualora l’attuazione della manovra dovesse essere messa in atto, con l’insindacabile giudizio che verrebbe a creare un taglio netto di 2/3 delle opportunità di stage previste oggi. Si tratta senza alcun dubbio di dati inquietanti che nelle migliore delle ipotesi scenderanno al 50%, con la conseguenza che solo 1 studente su 2 potrà accedere ad uno stage per una durata massima di 6 mesi. Dopo la riforma universitaria che ha già ridotto al minimo i fondi per l’istruzione, un’altra manovra sta per abbattersi sugli studenti italiani, che intanto iniziano ad emigrare con gli studi universitari in altre capitali d’Europa, dove la vita è più giusta per loro.