Quanto costa studiare a Roma ?



Vivere a Roma è già di per sé costoso, ma studiarci lo è ancora di più. La città eterna è tra le più care d’Italia, ma è pur comprensibile vista la sua  bellezza e la sua storia.

Il costo d’affitto di una camera in centro è di almeno 400 euro mensili escluse le spese. Se poi ci si vuole spostare, il prezzo  dell’abbonamento della metro è aumentato dai 18 euro a 35 euro al mese, una spesa non da poco visto che in un territorio così vasto la mobilità è all’ordine del giorno.

Fortunatamente con questo ticket si ha accesso non solo a linee A e B della metro, ma anche agli autobus, ai tram e ai treni metropolitani.

È  possibile risparmiare optando per una stanza in periferia, e in questo caso si può scendere anche a 250-300 euro al mese, però bisogna fare qualche sacrificio in più per muoversi, anche perchè la maggior parte delle università sono situate in centro.

La spesa in assoluto più onerosa è quella riguardante la retta universitaria, che varia in base al reddito familiare e ben che vada richiede un esborso di 600 euro all’anno, ma in alcuni casi arriva anche a 5000 – 6000 euro per quanto concerne le università pubbliche, nel caso di università private la retta assume contorni macroscopici.

Analizzando invece le spese per il sostentamento è difficile ipotizzare che tra cibo, prodotti per la casa, uscite si spenda meno di 300 euro.

Se al tutto si vuole aggiungere qualche corso d’inglese, lezioni private o quant’altro, allora la situazione prende un’ulteriore piega, è quindi bisogna mettere nuovamente mano al portafoglio facendo aumentare di fatto il costo delle spese mensili.

Forse un piccolo lavoretto, magari un part time che non rubi troppo tempo allo studio potrebbe essere la soluzione ideale per ammortizzare un minimo le uscite.

Una cosa è comunque certa, studiare a Roma costa, e pure tanto, ma in fin dei conti la qualità si paga.640px-Piazza_Venezia_-_Il_Vittoriano