Sciopero studenti 7 ottobre 2011



Dopo un’estate caldissima non poteva che arrivare un inverno altrettanto caldo! No, non stiamo parlando del meteo, ma dell’inverno scolastico che attende tutti gli studenti, professori e ministri. L’inverno che si prospetta infatti ai nostri occhi sarà davvero bollente, tra scioperi, manifestazioni contro la Gelmini. Potremmo dire anno nuovo, vita vecchia e forse sarà proprio questo l’intero tema invernale. Si comincia infatti il 7 ottobre prossimo con il primo sciopero contro la Gelmini. Lo sciopero ha l’intento di dimostrare al Governo che tutti i tagli fatti all’istruzione hanno messo in ginocchio l’Italia, peggio di un anno fa.

Intanto dalle associazioni fanno sapere che lo sciopero del 7 ottobre sarà solo l’inizio di una lunghissima stagione invernale che non terminerà tanto presto, anche in virtù del fatto che gli atti ministeriali, i tagli, non termineranno qui. La nuova manovra varata dal Governo metterà ancor di più sul baratro il sistema di istruzione italiana, che da fonti attendibili europee è in fondo alla classifica dei paesi più sviluppati. Le piazze si riempiono di giovani e di personale scolastico oltre che di insegnanti, soprattutto i precari, che sono accomunati da un solo scopo: dire basta a questo scempio. Preparatevi quindi ragazzi ad un lungo inverno, che a differenza degli ultimi anni sarà davvero rovente per tutti voi e per tutti coloro che lavorano nel mondo dell’istruzione e che del proprio lavoro ne fanno un vanto e che per troppi motivi oggi non sono più  messi in condizione di offrire ai propri alunni un livello adeguato di istruzione.