Tema sulla riforma del lavoro del Governo Monti



I media e la stampa stando fornendo numerosi spunti per gli studenti di tutte le scuole che sicuramente si sono trovati ad affrontare questo tema molto attuale in Italia e quindi figuriamoci fra le aule scolastiche. L’ultimo tassello poi lo lancia Monti dalla Cina, dove annuncia che non ci sarà una nuova manovra aggiuntiva.

Queste le parole del ministro Monti dopo aver udito le parole del presidente del Quarto Fondo sovrano al mondo, Lou Jiwei. Egli possiede un conto in banca che si aggira intorno ai 400 milioni di dollari e 40 sono stati già investiti, ma purtroppo per noi non in Italia.

Jiwei ha riferito che dopo aver scartato l’Italia dopo numerose valutazioni, si è trovato a cambiare idea l’ultima volta a settembre. Ha poi rivolto una parola anche agli Italiani che lavorano in Cina. Monti ha ribadito che dopo il 2013  non si candiderà alle elezioni, ma tornerà un privato cittadino, così come è giusto che sia.

Ha inoltre aggiunto poi che non c’è alcun timore invece che torni quella politica, che non ha fatto altro che creare problemi all’economia italiana, con politici che hanno affrontato il problema economico alla stessa maniera del Comandate della Concordia.  Un altro spunto poi è sicuramente dato da tutti coloro che si sono pronunciati fermamente sull’argomento.

Per esempio ultimamente anche Renato Schifani, ospite a SkyTg24 si è detto  certo che al Senato sono pronti a lavorare giorno e notte e che quindi ora tocca alla maggioranza sostenitrice di Monti cercare un punto di incontro sulla riforma. Insomma ai poveri italiani non resta altro che sperare che qualcuno pensi anche a loro in tutto questo parlare.