Test Ingresso Medicina 2012: bando ministeriale



Settembre è senza dubbio il mese in cui tutto riparte, a seguito dell’estate (quest’anno particolarmente ardua), dopo giorni di vacanza, si riparte con il lavoro, la scuola, l’università. E proprio di università in questo post, vogliamo parlarvi ed in particolare di un argomento che abbiamo già trattato nei giorni scorsi, dei test d’amissione alle facoltà a numero chiuso.
In questi giorni sono usciti i bandi ministeriali per la definizione dei posti disponibili ed in questo post ci occupiamo dei posti relativi al test d’ingresso a Medicina 2012.
Di seguito il bando ministeriale del test d’ingresso a medicina 2012 completo:

VISTA la legge 14 luglio 2008, n. 121 “Conversione in legge del decreto legge 16 maggio 2008, n.85 recante disposizioni urgenti per l’adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell’art.1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244″ e, in particolare l’art.1, comma 5;

VISTA la legge 2 agosto 1999, n.264 recante norme in materia di accessi  ai corsi universitari ed, in particolare, l’articolo 3, comma 1, lettera a) ;

VISTO il decreto 22 ottobre 2004, n.270  ” Modifiche al regolamento recante norme in materia di autonomia didattica degli atenei, approvato con decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n.509;

VISTO il D.M.16 marzo 2007 con il quale sono state determinate le classi delle lauree magistrali;

VISTA la legge 30 dicembre 2010, n.240 “Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l’efficienza del sistema universitario” e, in particolare l’art.29, comma 6;

VISTO il decreto legislativo 25 luglio 1998, n.286 e, in particolare l’art.39, comma 5, come sostituito dall’art.26 della  legge 30 luglio 2002, n. 189 ;

VISTO il decreto del Presidente della Repubblica 18 ottobre 2004, n.334 “Regolamento recante modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n.394 in materia di immigrazione”;

VISTE le disposizioni interministeriali in data 18 maggio 2011 con le quali sono state regolamentate le immatricolazioni degli studenti stranieri ai corsi universitari per il triennio 2011-2014;

VISTO il contingente riservato agli studenti stranieri per l’anno accademico 2012-2013 riferito alle predette disposizioni;

VISTA la rilevazione relativa al fabbisogno professionale del medico chirurgo per l’anno accademico 2012-2013 che il Ministero della Salute  ha  effettuato ai sensi dell’art.6 ter del D.L.gs. n.502/1992, trasmessa in data 26 aprile 2012 alla Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome in vista dell’Accordo formale e discussa in sede tecnica il 5 giugno 2012;

TENUTO CONTO che la Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome ha rinviato la riunione prevista per il 21 giugno 2012;

CONSIDERATA tuttavia la necessità di emanare il presente decreto per consentire la pubblicazione del bando di concorso da parte degli Atenei nel rispetto di quanto disposto dall’art.4, comma 1, della richiamata legge n. 264/1999;

VISTO il potenziale formativo così come deliberato dagli Atenei con espresso riferimento  ai parametri di cui all’articolo 3, comma 2, lettere a), b), c) della richiamata legge n.264;

CONSIDERATO che il fabbisogno professionale di cui al predetto Accordo, risulta superiore all’offerta formativa deliberata dagli Atenei;

VALUTATA la necessità di contemperare quanto più possibile l’offerta formativa delle Università con il fabbisogno professionale;

VISTO il parere espresso dall’Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca;

TENUTO conto dell’istruttoria compiuta  secondo gli elementi di cui all’art.3, comma 1, lettera  a) della legge n.264/1999;

TENUTO CONTO dei posti relativi al potenziale formativo riservato ai cittadini stranieri deliberati dalle Università;

RITENUTO che l’utilizzo dei predetti posti, rimasti vacanti, possano concorrere a colmare il divario esistente tra il fabbisogno rilevato e l’offerta delle Università;

TENUTO CONTO della necessità di non procedere per l’anno accademico 2012-13 ad alcun successivo ampliamento dei posti attribuiti con il presente decreto al fine di assicurare l’adeguato inizio delle attività didattiche dei corsi di laurea;

RITENUTO, alla luce delle risultanze della summenzionata istruttoria, di determinare per l’anno accademico 2012 – 2013, di concerto con il Ministero della Salute, il numero dei posti disponibili a livello nazionale per l’ammissione al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia,  confermando l’offerta formativa deliberata dagli Atenei;

RITENUTO di disporre la ripartizione dei posti tra le università;

DECRETA

Art.1

1. Per l’anno accademico 2012-2013 i posti determinati a livello nazionale per le immatricolazioni al corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia,  destinati agli studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia, di cui all’art. 26 della legge 30 luglio 2002, n.189 sono n. 10.173, ripartiti fra le Università secondo la tabella allegata che costituisce  parte integrante del presente decreto. Agli studenti stranieri residenti all’estero sono destinati i 557 posti secondo la riserva contenuta nel contingente di cui alle disposizioni ministeriali in data 18 maggio 2011 citate in premessa.

Art.2

1. Ciascuna università dispone l’ammissione degli studenti comunitari e non comunitari residenti in Italia in base alla graduatoria di merito nei limiti dei corrispondenti posti di cui alla tabella allegata al presente decreto.

2. Ciascuna università dispone l’ammissione degli studenti  non comunitari residenti all’estero in base ad apposita graduatoria di merito nel limite del contingente ad essi riservato.

3. I posti del contingente riservato di cui al comma 2, rimasti disponibili, anche a seguito delle procedure di riassegnazione degli studenti interessati previste dalle disposizioni interministeriali in data 18 maggio 2011 citate in premessa, sono coperti da cittadini comunitari e  non comunitari di cui all’art. 26 della legge 30 luglio 2002, n. 189, risultati idonei.

Il presente decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.