Test invalsi 2011 terza media, elementari, scuole superiori



Dal 10 maggio fino al 13 maggio, in migliaia di scuole elementari, medie e superiori, circa 2 milioni di studenti hanno verificato il proprio livello di preparazione attraverso i test di valutazione nazionale in matematica e italiano.
La notizia che più ha preoccupato centinaia di migliaia di studenti è stata quella che in molte scuole quest’anno il risultato dei test avrebbe fatto media  con la pagella, praticamente come un compito in classe.

I risultati dopo questa 3 giorni di test a livello nazionale, hanno premiato le scuole elementari, dove su circa 30.000 classi coinvolte nessuna si è rifiutata di effettuare i test.

Va detto che il campione totale delle scuole coinvolte era di circa 1.178 scuole con circa 1 milione e 200 mila alunni esaminati, alle quali va aggiunto che soltanto 3 scuole hanno deciso di boicottare il test.

Tutto ciò ha portato comunque ad uno sciopero programmato da parte di Unicobas, che si è attuato nell’ultima ora di lezione e quindi nella fase di completamento dei test, affinchè fosse impossibile completare la prova.

Non solo, lo sciopero è poi proseguito in una manifestazione a Roma che ha visto coinvolti genitori e studenti a difesa di una discriminazione degli studenti disabili, che potevano essere ammessi ai test a discrezione dell’istituto stesso.